Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fonseca: “Dzeko e Mayoral insieme? Ora non ho bisogno di cambiare modulo. Mercato? Non posso dire nomi”

Le parole dell’allenatore giallorosso

Paulo Fonseca, allenatore della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni dopo la vittoria a Crotone:

Fonseca a Sky Sport

Vedremo insieme Dzeko e Mayoral?
“Vedremo. La squadra sta giocando bene in questo modulo, non ho bisogno di cambiare. Ma in futuro si vedrà”.

Arriva l’Inter, sapremo quanto vale la Roma?
“Per noi quello che è importante è sommare i tre punti. E’ importante vincere tutte le partite, non importa l’avversario. Ovviamente l’Inter è una bellissima squadra, sarà una partita diversa. Vogliamo giocare per vincere. Come abbiamo fatto con le altre big”.

Mkhitaryan è uno dei più intelligenti che abbia mai allenato?
“E’ molto intelligente, uno dei più intelligenti che abbia mai allenato. Sa trovare spazi come pochi”.

I nomi del mercato?
“Non li posso dire”.

Un augurio a De Sanctis?
“E’ stato un momento triste, l’intervento sappiamo che è riuscito, speriamo che si rimetta presto. Gli auguriamo di tornare presto”.

Fonseca in conferenza stampa

Bastati 45 minuti per archiviare la pratica…
“Abbiamo fatto una partita molto seria, abbiamo rispettato molto l’avversario che ha qualità, ma abbiamo fatto soprattutto nel primo tempo una bellissima partita. Nel secondo tempo abbiamo gestito bene, possiamo migliorare le uscite nel secondo tempo per l’attacco, ma abbiamo fatto una partita molto buona”.

Obiettivo consolidare il terzo posto, ci siete riusciti.
“Sì, l’obiettivo era vincere. Abbiamo vinto che era l’obiettivo principale, ora pensiamo alla prossima”.

Veretout, Dzeko e Pellegrini in panchina e modulo diverso.
“Il modulo era lo stesso, abbiamo solo cambiato giocatori. Per me è importante che se cambiamo giocatori non cambia identità. Oggi cambiando giocatori la squadra ha giocato come sempre, senza cambiare identità”.

La Roma fa risultato contro le piccole, ora arrivano impegni importanti contro Inter e Lazio. Bisogna vincere negli scontri diretti.
“Abbiamo bisogno di vincere tutte le partite, adesso contro l’Inter pensiamo come abbiamo fatto per questa partita. E’ importante vincere per noi, l’avversario non importa”.

Juve-Milan?
“Pensiamo solo a noi. Adesso dobbiamo recuperare i giocatori e pensare alla prossima”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra