Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mkhitaryan di lusso tra gol e assist: in Europa solo Fernandes e Kane come lui

Altra prova importante dell’armeno

Se Borja Mayoral è stato il protagonista inatteso nella vittoria di Crotone, non è una sorpresa l’ennesima grande prestazione di Henrikh Mkhitaryan. L’armeno è sempre più leader tecnico della Roma e ieri ne ha data l’ennesima conferma: suo l’assist che dopo 8 minuti ha messo l’attaccante spagnolo nelle condizioni migliori per portare in vantaggio la Roma; suo il gol del 3-0 giallorosso che ha chiuso i giochi con più di un tempo d’anticipo. Su rigore, visto che in campo non c’era Veretout, rigorista designato, né Lorenzo Pellegrini.

Il fatto che sul dischetto si sia presentato lui è un ulteriore segnale di come ormai i compagni lo considerino un punto di riferimento. «È uno dei calciatori più intelligenti che abbia mai allenato», ha detto Paulo Fonseca dopo la vittoria. Anche per questo il tecnico portoghese non rinuncia mai all’armeno, che con 1.585 minuti giocati è il romanista più utilizzato.

Altri numeri che certificano la sua importanza sono quelli relativi a gol e assist: nei maggiori cinque campionati europei in corso, Miki è uno dei tre giocatori (con Bruno Fernandes del Manchester United e Harry Kane del Tottenham) ad aver già segnato almeno 7 gol (con quello di ieri sono 8 in campionato più 1 in Europa) e fornito 7 assist. ( più 1 in coppa). Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa