Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fonseca: “Vogliamo diventare una squadra ambiziosa, che vuole vincere sempre”

Il tecnico giallorosso in conferenza stampa alla vigilia della sfida di domani sera contro la Lazio alle 20:45

Si è svolta nel pomeriggio la conferenza stampa di Paulo Fonseca, alla vigilia della sfida contro la Lazio:

Abbiamo ascoltato ieri le parole di Pinto. E’ d’accordo con l’idea di un progetto a medio lungo termine?
Ho visto la conferenza stampa, ha parlato di questo progetto ma non solo; ha parlato di ambizione, e credo sia importante averne. Stiamo lavorando tutti insieme per essere una squadra che vuole vincere sempre, per me è questo l’importante, avere ambizione.

Questo gruppo che ha fatto bene contro l’Inter merita di essere confermato anche domani?
Volete sapere se gioca la stessa squadra? Per non dire sempre “vediamo domani” vi dico “lo scopriremo domani”.

Cosa rappresenta per lei il derby? Le pesa non averlo ancora vinto?
Non l’ho neanche perso. Sappiamo che è una partita importante per tutti, sono in ballo i soliti 3 punti e noi vogliamo vincere per ottenerli.

A che punto è il processo di crescita mentale della squadra? Cosa manca per ottenere continuità nei 90 minuti?
Il blackout non è un discorso fisico, contro l’Inter abbiamo giocato gli ultimi 30 minuti con grande intensità, se fosse un problema fisico non avremmo questa reazione. E’ difficile avere intensità per 90 minuti, stiamo lavorando per essere più equilibrati durante la gara. Abbiamo avuto 15 minuti non buoni, abbiamo analizzato la partita e ho fatto capire ai ragazzi cosa devono fare per avere più equilibrio.

Si sta creando un gruppo per vincere un titolo in questa stagione?
Come ho detto, dobbiamo essere ambiziosi, dobbiamo giocare per vincere, è fondamentale. Noi vogliamo vincere sempre.

Solo una volta ha presentato la stessa formazione due volte di seguito, potrebbe essere questa la seconda volta? L’opzione “vediamo domani” non è contemplata…
Ho già parlato, lo scopriremo domani.

L’hanno scorso Cristante su Milinkovic e Veretout su Luis Alberto furono la mossa vincente per arginare la Lazio. Questa mossa potrebbe essere usata anche domani?
Questa è una domanda intelligente e tattica per sapere chi giocherà domani. Ora giochiamo con un modulo diverso, ma sappiamo quanto Luis Alberto e Milinkovic siano importanti per la Lazio. Abbiamo lavorato pensando al collettivo Lazio ma anche ai singoli.

Giocare senza pubblico è un vantaggio, i giocatori sentono meno pressione?
Mai, tutti i giocatori preferiscono avere i tifosi sugli spalti. Tutti noi non vediamo l’ora di rivedere il pubblico sugli spalti

Nei primi tempi la Roma ha una grande produzione offensiva poi cala nella ripresa: ha capito perché?
Bisogna analizzare questo prendendo le singole partite. Qualche volta ci sono stati problemi tattici, altre volte problemi mentali con la squadra che non ha reagito bene a momenti di sconforto. Stiamo lavorando per essere il più equilibrati possibile nei novanta minuti.

Quanti dubbi ha sulla formazione?
Nessuno.

Affrontate una squadra forte nel recupero palla e nelle ripartenze. Sta pensando qualcosa per dare più forza alla sua fase di impostazione dal basso?
E’ una caratteristica del calcio italiano, quella di recuperare palla e poi partire in contropiede. Prepariamo sempre qualcosa contro questo atteggiamento e anche questa settimana abbiamo lavorato in tal senso. La Lazio esce forte in contropiede, abbiamo lavorato come sempre.

Come sta Pedro?
Sta bene, sarà convocato.

Cosa non dovrà mancare alla Roma domani?
Aggressività.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra