Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zago: “Uno come me perfetto per il derby, la squadra vale il titolo”

Le parole dell’ex difensore giallorosso

Un passato alla Roma, uno Scudetto e diversi derby vinti. Antonio Carlos Zago è rimasto molto legato ai colori giallorossi e, in avvicinamento al derby di domani, parla sulle colonne di “Leggo”.

Una parola: il derby. Quale è il pensiero più bello che le viene in mente?
“Sorrido ancora pensando a quello vinto nell’anno dello scudetto con un autogol di Negro, fu importante per la conquista del tricolore alla fine della stagione perché ci diede grande spinta. Quello è sicuramente un bel ricordo ma ne ho tanti a Roma sia con Zeman sia con Capello” dice Zago intervistato da Francesco Balzani su Leggo.

E il più brutto?
“Ricordo ancora il primo anno, io arrivai a gennaio e la Roma aveva già perso 3 derby di fila. Perdemmo il quarto e fu pesantissimo. Capii subito l’importanza di quella partita”.

Se potesse scegliere un giocatore della tua Roma da “prestare” a Fonseca per domani?
“Se ne devo scegliere solo uno gli regalerei Zago! Avevo una grinta impressionante in tutte le sfide decisive e non solo nei derby. Era importante avere un difensore come me in una partita del genere”.

Nei suoi derby ci si giocava sempre tanto, anche lo scudetto. Questa Roma è pronta per tornare a quei livelli?
“Ai miei tempi Roma e Lazio erano grandissime squadre, ogni anno lottavano per lo scudetto o per un piazzamento in Champions. Però seguo i giallorossi e devo dire che quest’anno sta facendo bene in un campionato complessivamente più difficile vista la sorpresa del Milan e la forza di Juve, Inter e Atalanta. Secondo me la Roma può lottare fino alla fine e arrivare pure a vincere lo scudetto”.

Lei era abituato ai derby con l’Olimpico strapieno, quanto perde una partita del genere senza pubblico?
“Perde tantissimo, era uno spettacolo. Praticamente una partita a parte. Abbiamo passato un anno difficile e sicuramente dovremmo passare ancora mesi complicati ma piano piano spero che i tifosi possano tornare nello stadio pure in Italia. Qui in Giappone già entrano riempiendo il 50% della capienza massima”.

Lei ora allena in Giappone, le piacerebbe guidare la Roma?
“Abbiamo ristrutturato la squadra, siamo giovani e abbiamo fatto 4-5 acquisti per vincere il campionato. Ora penso ai Kashima, ma un giorno io e la mia famiglia vorremmo vivere a Roma. Era il sogno di mio nonno: tornare un giorno in Italia. Oggi il club è allenato da un portoghese quindi un giorno potrebbe allenarlo anche un brasiliano come me”.

La situazione Covid
“I giapponesi sono straordinari, rispettano in tutto e per tutto quello che il governo chiede di fare. Qui dove sono io ora non c’è un caso di Covid, siamo quasi alla normalità e ora c’è il vaccino. Dobbiamo stringere i denti e presto torneremo alla normalità”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa