Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Prestiti doc, Dzeko all’Inter ed Eriksen in giallorosso: la Roma apre, Suning dice no

Clamorosa pista di mercato, bocciata dalla proprietà nerazzurra

Uno scambio di prestiti Dzeko-Eriksen. La Roma disposta a parlarne, l’Inter ha fatto sapere di non essere interessata. Martedì sera, fine partita di Coppa Italia Roma-Spezia, nel sottopassaggio duro faccia a faccia Dzeko-Fonseca che ha segnato lo strappo tra l’attaccante e il tecnico. Il giocatore, che ha da poco cambiato i suoi agenti affidandosi ad Alessandro Lucci e alla sua agenzia WSA, a Roma sta bene e valuta solo scenari all’altezza del suo curriculum.

Che Dzeko piaccia a tanti club è scontato, ma ci sono due nodi: l’ingaggio alto (7,5 milioni netti a stagione) e lo spazio che una nuova squadra gli può offrire. In caso di addio l’ideale sarebbe restare in A. Tra le big però il Milan ha appena preso Mandzukic, alla Juve la concorrenza sarebbe troppa. Resterebbe l’Inter, ma c’è un problema: il club nerazzurro, per bocca della proprietà e di tutti i suoi dirigenti, in questo mercato non è nelle condizioni di fare operazioni e tantomeno aumentare il monte ingaggi. Semmai il contrario, deve sfoltire e risparmiare.

A tenere viva la possibilità di una trattativa c’era solo una chance: liberarsi di un ingaggio pesante. Identikit che porta a Christian Eriksen. Il suo ingaggio netto è lo stesso di Dzeko (7,5 milioni netti), ma il lordo pesa meno nelle casse nerazzurre perché arrivato con il decreto crescita. Al neo d.s. giallorosso Pinto, il danese piace e in caso di aperture alla trattativa ne avrebbe avallato l’arrivo davanti alla proprietà americana. Il vero problema in questi due giorni di contatti è stato il muro alzato da Suning. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

53 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

53 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa