Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

I patron Friedkin blindano Pellegrini: “E’ il nuovo leader”

Il numero 7 è stato da subito un punto di riferimento per la nuova proprietà

Dai cinque giorni più pesanti della stagione, alla vittoria scaccia crisi sabato contro lo Spezia, in attesa del rinnovo contrattuale che blinderà Lorenzo Pellegrini alla Roma praticamente per tutta la sua carriera. Una decina di giorni sulle montagne russe per il numero 7, capitano di fatto e, adesso, anche di diritto. Terzi in classifica al termine del girone d’andata, i giallorossi restano aggrappati alle ambizioni stagionali dopo il terremoto causato dalla sconfitta nel derby e dalla brutta eliminazione dalla Coppa Italia. E’ tempo che le personalità emergano, come quella di Pellegrini.

Lorenzo è diventato subito un punto di riferimento per i Friedkin, che con lui si confrontano molto e su di lui vogliono costruire il futuro della Roma, partendo dal rinnovo contrattuale del ragazzo, attualmente in scadenza nel 2022, passando per la promozione definitiva a capitano. Dopo il duro confronto a Trigoria tra staff tecnico, società e spogliatoio, Pellegrini è andato a casa di Dzeko per aiutare a ricucire lo strappo con l’allenatore, prima di essere decisivo in campo sabato pomeriggio. Ieri insieme alla sua famiglia è stato ricevuto in Vaticano da Papa Francesco in occasione della Domenica della Parola di Dio e il pontefice ha consegnato lui una Bibbia speciale. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa