Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dzeko, un’anima divisa in due: niente scuse a Fonseca, ma bisognerà ricucire

Il bosniaco non chiederà scuse

Un altro giorno è passato senza che sia stata messa la parola fine. Edin Dzeko non chiede scusa, lavora per conto suo. Sorrisi con i compagni, gelo con Fonseca. Che a sua volta, supportato dalla società e dal connazionale Tiago Pinto, non molla di un centimetro.

Separati in casa, separati dal caso. Trigoria è un mondo ovattato in cui tutto procede senza che una mossa decisiva sblocchi lo stallo. Ma se le ore passano senza che qualcosa accada, con il mercato che chiude il primo febbraio, la Roma ha un problema: non può e non deve delegittimare l’allenatore, che grazie alla vittoria con lo Spezia ha guadagnato credibilità, e al tempo stesso non può estromettere per sempre colui che è stato capitano, colui che è ancora un campione, colui che per ingaggio è al terzo posto dell’intera Serie A dopo gli juventini Ronaldo e De Ligt.

Se Dzeko resta sarà interesse di tutti ricucire. Dzeko non giocherà contro il Verona, così come non è stato schierato nella partita d’andata quando era a un passo dalla Juventus, ma questo non significa tutto. È diretta conseguenza della ribellione della scorsa settimana. Quando tutte le squadre porteranno a Roma, sarà interesse collettivo ragionare su una tregua che finora è stata ostacolata dalle circostanze in cui è capitata: la finestrella sul trasferimento è ancora socchiusa. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa