Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dzeko spera nel ritorno a Manchester

La Premier League è l’unica speranza per il bosniaco

Dzeko al Manchester City sei anni dopo. Il suo procuratore, Alessandro Lucci, si è messo all’opera per portare a terminare questo affare anche se non è facile. Guardiola gioca con una sola punta centrale e nell’organico ci sono già Aguero, Gabriel Jesus e Sterling. Per il momento la risposta dall’Inghilterra è stata negativa, ma Dzeko spera. Ha capito che la frattura con Fonseca è insanabile, almeno secondo le indicazioni che gli verrebbero imposte (scuse pubbliche, rinuncia alla fascia di capitano, ridimensionamento dell’importanza all’interno della squadra). Il giocatore non si sente in torto e la sua idea è di lasciare la Roma. Se fosse saltato Fonseca il problema si sarebbe risolto. Lucci ha parlato a molti grandi club della situazione, ma il momento di crisi mondiale non consente investimenti pesanti.

Il Barcellona ha detto no, il Real Madrid avrebbe gradito lo scambio con Mariano Diaz che però non si vuole trasferire, il PSG è al completo e potrebbe offrire Icardi con un ingaggio decisamente pesante. In Italia Juventus ed Inter ci hanno provato con scambi assolutamente inaccettabili per la Roma. Ecco perchè l’Inghilterra è l’opzione in extremis. Il West Ham è interessato ma a Dzeko non va bene. Chiede di più, una squadra che lotti per vincere e che giochi la Champions. Non resta che attendere fino a lunedì per conoscere la verità. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa