Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

I tifosi social: “Perdenti e pure felici? Vergogna”

La rabbia dei supporters giallorossi dopo la sconfitta con la Juventus

Per una volta anziché unire, la Roma divide. In campo e fuori. Da un lato Fonseca vede il bicchiere mezzo pieno nonostante lo 0-2, a tal punto da dirsi “orgoglioso di come la squadra abbia giocato”, trovando la condivisione di un paio di commentatori in tv e dei propri calciatori (Veretout, Pau Lopez, Villar). Dall’altra ci sono invece diversi tifosi che, privati dello stadio, esternano il proprio umore sui social e nelle radio locali. In questo caso, spicca l’assoluto stupore per il tono di soddisfazione che filtra da Trigoria.

Come se perdere 2-0 con la Juventus ci possa stare. Per carità, la storia può venire anche in soccorso ma a volte va contestualizzata. Perché che questa sia la Juve più in difficoltà degli ultimi 10 anni è un dato di fatto. Lo dice la classifica, lo confermano i risultati altalenanti.

Molti calciatori poi, ancora non capiscono che le frasi di routine (“Nonostante la sconfitta, orgoglioso della squadra. Avanti così“; “Ora al lavoro per riscattarci, daje Roma“; “C’è mancato soltanto il gol ma siamo sulla strada giusta“) alla lunga stancano. Perché asettiche, quasi dovute al pubblico social. Il che non giustifica l’ignoranza di qualche cafone da tastiera, che ha costretto Veretout a sospendere i commenti sul proprio account di Instagram. Dopo i ko, forse basterebbe ritrovare quello che Andreazzoli definiva il “dolore della sconfitta“. E il dolore, come ricordava Seneca, è muto. Lo scrive “Il Messaggero”.

20 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

20 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa