Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tiago Pinto, via alla giostra dei contratti

Il gm giallorosso ha iniziato il giro d’incontri

Dopo un mese molto tribolato Tiago Pinto ha avviato un ampio giro di consultazioni con tutti i procuratori dei giocatori in organico. Colloqui individuali che mirano a conoscere meglio le posizioni, le pendenze e le necessità di ciascuno di loro. E’ emerso l’orientamento nel rinnovare il contratto di Karsdorp, diventato il terzino destro titolare. L’olandese va in scadenza il prossimo anno e per questa ragione prolungherà a breve fino al 2025. La trattativa è nella fase iniziale, ma verrà portata a termine prima della fine del campionato. Contemporaneamente la Roma incontrerà l’agente di Pellegrini.Per il capitano è pronto il rinnovo fino al 2026. Non ci saranno sorprese, anche se i discorsi economici per il momento non sono stati affrontati.

L’obiettivo vero di Pellegrini è essere al centro di un progetto ambizioso che l’arrivo dei Friedkin ha reso più credibile. Nessuna chance di rimanere per Jesus e Peres, entrambi in scadenza. Incerta la posizione di Mirante. Il rinnovo di un anno non sarà una semplice formalità perchè la società vuole tenere conto anche dei recenti infortuni. In rosa è tornato Fuzato che a Trigoria gode di una certa stima. I più richiesti dal mercato sono Villar e Ibanez e Pinto vuole allontanare ogni tentazione centrifuga dei giovani emergenti. I loro stipendi verranno ridiscussi con annesso prolungamento contrattuale. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa