Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dzeko-Mayoral, sarà una staffetta

I due attaccanti si alterneranno tra campionato e coppa

Cinquanta e cinquanta. Fonseca non ha ancora deciso se promuovere Dzeko già domenica contro l’Udinese. Ma ha fissato con il suo staff un punto fermo gestionale: tra campionato ed Europa League alternerà i due centravanti, sia per una questione di natura fisica sia psicologica. Dzeko sta affrontando con lo spirito giusto questa settimana di lavoro.

È cresciuto sotto l’aspetto atletico e nonostante la mezz’ora incolore di Torino è pronto a dare il contributo alla Roma, anche senza fascia da capitano. Per questo Fonseca è tentato di dargli una possibilità. Subito. Anche Borja Mayoral, al netto delle difficoltà che si sono viste contro la Juventus, è in un ottimo periodo di forma e ha segnato con grande regolarità nelle occasioni in cui è stato impiegato. Fonseca valuterà i prossimi allenamenti e poi comunicherà la formazione alla squadra ma probabilmente non svelerà il mistero nella conferenza stampa alla vigilia. Preferisce non dare vantaggi a un grande esperto della tattica come Luca Gotti.

Il dubbio sul centravanti, che verrà sciolto a ridosso del calcio d’inizio, può dipendere anche dal meteo: domenica mattina è annunciata una gelata su Roma con possibile nevicata. È evidente che, per caratteristiche morfologiche, su un campo pesante si faccia preferire la fisicità di Dzeko rispetto alla velocità di Mayoral. Ma Dzeko potrebbe giocare uguale, se Fonseca si rendesse conto che può facilitargli il compito. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa