Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Juan Baldò: “Villar? Lo vedo un giorno titolare nel Barcellona e nella Spagna”

Parla il primo tecnico di Gonzalo Villar nelle giovanili del Real Murcia

Lo ha allenato da piccolo, ora lo vede sbocciare come talento europeo. Juan Baldò parla a “La Gazzetta dello Sport” di Gonzalo Villar. Ecco le sue parole.

Lei lo notò prima di tutti
“A uno così cosa puoi insegnare? Gli dicevo di andare in campo e divertirsi, stop. Sembra viva in un mondo tutto suo, a volte è inespressivo come Pirlo, ma in campo si trasforma in un leader. A dieci anni faceva girare la testa a tutti nei tornei. Bassino, tecnico, altruista, geniale nell’ultimo tocco”.

La sua migliore qualità?
“Verticalizzare e gestire: quando gli arriva il pallone sa già cosa fare. Era il miglior talento nel Murcia, ma le big spagnole non l’hanno notato”.

La Roma sì invece
“Un ottimo colpo. In futuro lo vedo titolare al Barcellona e in Spagna, ma spero possa vincere con Fonseca. Per me è sempre stato il “piccolo Iniesta”. Il bello è che da ragazzino forse non pensava di essere così forte, ho lavorato parecchio affinché realizzasse il suo sogno. Ora spero mi inviti all’Olimpico. Occhio a suo fratello minore Javi, classe 2003. Regista come Gonzalo, gioca nell’Elche, un talentino niente male”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa