Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, Karsdorp pendolino olandese

Il giocatore olandese sempre più centrale nel gioco giallorosso

Karsdorp giovedì ha compiuto 26 anni, a breve potrebbe firmare il prolungamento del contratto, con una stagione in totale controtendenza rispetto al passato: al giro di boa ha già battuto tutti i record personali. Il terzino destro, 1655′ in campo da settembre e metà febbraio, ha abbondantemente superato la somma del minutaggio delle prime due annate romaniste condizionate dagli infortuni. In questa Serie A è riuscito a trovare pure il primo gol contro lo Spezia, decisivo ai fini del risultato.

Il Karsdorp vivace ammirato nel 3-4-2-1 va considerato come un nuovo acquisto e la sua esplosione, corollata da 4 assist, ha fatto riflettere la Roma. Dopo averlo considerato a lungo un peso, la società sta trattando il rinnovo del suo contratto, in scadenza a giugno 2022. Dal momento in cui ha indossato nuovamente la maglia della Roma è rinato, prendendosi i gradi di titolare e i complimenti dei tifosi. La cura Fonseca ha funzionato, superando Bruno Peres e Santon con uno scatto da centometrista. Sia lui che la società hanno espresso una forte volontà di andare avanti insieme, ora bisogna solo trovare la quadratura economica dell’accordo.

Tiago Pinto vorrebbe limare qualcosa nel nuovo contratto: al momento guadagna 2,2 milioni l’anno, la proposta dovrebbe oscillare tra gli 1,5 e gli 1,8 milioni, integrati da bonus legati alle presenze, prospettando un orizzonte temporale di 4-5 anni. Bruno Peres invece ha le valigie pronte e a giugno sarà libero di trovare una nuova squadra. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa