Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fonseca: “E’ mancata l’iniziativa individuale. Dzeko o Mayoral? Non c’è un titolare”

Le parole del portoghese dopo il pareggio contro il Benevento

Il tecnico dei giallorossi, Paulo Fonseca, ha parlato al termine di Benevento-Roma, conclusa 0-0 allo stadio Vigorito.

Fonseca a Sky Sport

Oggi squadra con poche idee e un po’ lenta
“È stata una partita difficile, il Benevento si è chiuso bene. Siamo arrivati negli ultimi 30 metri senza difficoltà ma poi non siamo stati concreti e siamo stati poco aggressivi. I giocatori hanno capito che abbiamo bisogno di essere più concreti”.

Cambio modulo in corsa con l’ingresso di Dzeko?
“Quando è entrato Dzeko siamo passati a 4 per avere più uomini in area. Siamo stati troppo lenti nel finalizzare”.

Mancata brillantezza dopo la gara contro il Braga?
“Non credo ci sia stata una questione fisica, la squadra ha giocato sempre con intenzione per arrivare veloce, è mancata iniziativa individuali e tiri in porta. Possiamo fare meglio, il Benevento si è chiuso meglio”.

Borja Mayoral è il titolare?
“Dzeko ha giocato giovedì, nessuno è titolare in questa squadra, stasera ho messo Borja Mayoral”.

Tardivo il passaggio a 4 dietro?
“Lo abbiamo fatto quando è entrato Dzeko, ha giocato accanto a Borja Mayoral con Pellegrini trequartista. Penso sia difficile fare di più”.

In Italia si tira troppo poco da fuori area?
“Dobbiamo tirare di più in questo tipo di partite, devo dire che il Benevento ha chiuso molto bene gli spazi, abbiamo avuti pochi spazi ma dobbiamo tirare di più in questo tipo di partite”.

Fonseca a Roma TV

Un’occasione persa. Cosa non ha funzionato?
“Siamo arrivati bene negli ultimi 30 metri ma poi siamo stati poco cattivi e aggressivi. Troppo lenti. La squadra ha sbagliato qui. L’altra squadra si è chiusa bene ma dopo abbiamo sbagliato, la velocità deve essere più alta. Abbiamo sbagliato nella velocità delle decisioni”.

Le assenze hanno un po’ pesato…
“Questo è il segnale più difficile, quando una squadra si chiude come il Benevento. Ma la squadra ha fatto tutto bene fino a questo momento. Poi abbiamo fatto i cambi per avere più uomini in area ma è difficile fare di più. Abbiamo sbagliato negli ultimi 30 metri”.

Che serviva negli ultimi 30 metri?
“Sono mancate le iniziative individuali. Contro squadre che difendono cosi ne serve di più. Abbiamo bisogno di non sbagliare il cross e il passaggio. Non abbiamo sbagliato i movimenti, che ci hanno fatto arrivare negli ultimi 30 metri. Non siamo stati concreti e veloci. E’ stato questo il problema”.

Si conosceva il Benevento. Perché non si è potuto far meglio allargando il gioco?
“Io penso che il gioco è stato largo, il problema è stato quando arrivavamo sul corridoio dove siamo stati lenti. Abbiamo cercato l’1 contro 2. Quando arriviamo dobbiamo fare il cross veloce o tornare dietro ma velocemente per tornare in area. Il problema sono state le decisioni e la velocità delle decisioni”.

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra