Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Foulon: “Con la Roma un punto importantissimo. Il rigore? Per fortuna c’era il fuorigioco”

L’esterno del Benevento commenta così il pareggio di ieri sera contro la Roma, ottenuto grazie anche all’annullamento del rigore per i capitolini

Dam Foulon, esterno del Benevento, ha tremato nei secondi finali di partita. Il suo fallo da rigore su El Shaarawy poteva costare caro alla squadra di Inzaghi che poi è stata salvata dal VAR che ha segnalato il fuorigioco di Pellegrini. Il terzino parla proprio di quell’episodio. Queste le sue parole riportate dal sito ottopagine.it:

“Penso che oggi (ieri, ndr) sia un punto importantissimo in chiave salvezza. Sono molto felice per me e per la squadra. Il rigore? C’era preoccupazione. Fortunatamente è stato segnalato il fuorigioco, quindi il fallo non è importante. Resta la bella partita e ne sono davvero felice. Ultimamente sono stato un po’ fuori, subentrando in corso d’opera. Adesso il mister mi ha dato l’occasione per giocare da titolare e ho fatto del mio meglio per la squadra. Il calcio italiano mi piace molto. Sono qui per migliorare giorno dopo giorno. Devo dire che mi mancano i tifosi, prima di venire a Benevento ho visto i video e mi sono piaciuti tanto. Ho bisogno del calore della gente. Dipende dalla partita. Se giochiamo contro un avversario alla nostra portata, mi piace giocare anche più alto. In alternativa sono giovane e voglio giocare ovunque, non è importante. Sarà un’altra partita difficile. Dovremo essere compatti come stasera, cercheremo di prepararla nel migliore dei modi“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News