Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Illusione finale, il rigore non c’è. Dzeko-Borja flop

Il fuorigioco di Pellegrini ha annullato il rigore assegnato all’ultimo secondo di partita

Nemmeno la strana coppia è servita a buttare giù il muro. Quando Fonseca s’è deciso che Dzeko e Mayoral potessero provare insieme a vincere la resistenza del Benevento, l’incantesimo della Strega aveva già stordito la Roma. L’allenatore portoghese ha finito con tre punte vere, aggiungendo anche El Shaarawy, e il ritorno alla difesa a quattro per provare a sfruttare la spinta di Spinazzola.

Rivoluzioni del copione per cercare una sorpresa, con il Benevento rimasto in dieci per il rosso a Glik per due falli su Mkhitaryan. Niente da fare: troppo solido il Benevento, che ha ceduto solo all’ultimo istante, quando l’arbitro Pairetto, al culmine di una direzione modesta, aveva deciso per un rigore in favore della Roma, cancellato dopo una consultazione dal Var Chiffi per un fuorigioco di Pellegrini.

Sarebbe stato un eccesso di fortuna, perché se impieghi 34 minuti per confezionare un tiro in porta vuol dire che qualcosa non funziona. “Siamo stati lenti e prevedibili” ha ammesso Fonseca “Siamo arrivati negli ultimi 30 metri senza difficoltà, non siamo stati concreti e stiamo stati poco aggressivi. Noi possiamo fare meglio, ma il Benevento si è chiuso bene. Sono mancate un po’ di iniziative individuali, dobbiamo provare a tirare più da fuori”. Lo scrive “La Repubblica”.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa