Resta in contatto

Rassegna Stampa

Cassano: “Roma favorita contro il Milan e Fonseca va tenuto”

Le parole di Fantantonio a “Il Corriere dello Sport”

Le sue cassanate sono ormai un lontano ricordo, ma le sue opinioni sono taglienti come le giocate di un tempo. Parla Antonio Cassano in vista di Roma-Milan, e non solo.

Su Fonseca

Mi piace la Roma. Fonseca è bravo, gioca all’attacco.

Eppure il suo futuro è in discussione

Forza, spiegami perché dovrebbero cambiarlo. A inizio stagione il quarto posto della Roma era considerato un capolavoro, oggi è quarta davanti a Atalanta, Lazio e Napoli. Qui tutti vogliono cambiare tutti, l’Arsenal per dodici anni non ha vinto niente eppure Wenger l’ha tenuto, in particolare negli anni in cui la critica lo massacrava.

Roma-Milan è la tua partita

Cinque anni alla Roma, uno e mezzo al Milan dove ho vinto il mio primo scudetto. La Roma domani sera è favorita.

Il primo pensiero che ti viene in mente sulla Roma

Totti. Roma, Totti. Totti, Roma. Vabbeh, il 4-0 alla Juve, ma anche lo 0-0 di Ancora la settimana dopo, il momento più basso. Lì perdemmo lo scudetto. Te lo ricordi Jardel?

Dimenticabile e dimenticato

Roma mi fa pensare ai disastri, a quello che ho fatto passare a Capello. Don Fabio, poverino. Ogni volta che lo incrocio mi ripete “che testa di c***o che sei”. Ha ragione, ma gli voglio un bene dell’anima. A Trigoria mi inseguì per tutto il campo perché avevo abbandonato la partitella 7 contro 7. Quando mi rompevo le palle, via gli scarpini e rientrato nello spogliatoio. Io scappavo e lui dietro, sembravamo Totò e Peppino. Mi raggiunse all’interno e mi avvisò che se non fossi tornato mi avrebbe preso a pugni in faccia. Mi sembra di sentirlo: “Se non ti presenti la partitella non riprende”. Ero suonato come un tamburo.

Dimmi la verità, quando la Roma ti acquistò a stagione iniziata il Bari ti incollò in panchina per precauzione, per evitare che un infortunio potesse far saltare l’affare…

Seppi che il Bari mi aveva venduto alla Juve per 45 miliardi, due giorni dopo sarei dovuto andare ad Avellino per incontrare Moggi. Mi chiama il procuratore di allora, Bozzo, e mi fa: “La Roma ne ha offerti 55 più D’Agostino”. “Beppe, quanto ci offre la Juve?”, mi disse la cifra. “E la Roma?”. “Il doppio”. Voglio giocare con il mio idolo. All’epoca non c’avevo una lira. Moggi fallo aspettare, aggiunsi. È ancora ad Avellino…. Quando lo incontro mi ripete che se fossi andato da lui avrei fatto tutta un’altra carriera.

Com’era Totti nello spogliatoio?

Silenzioso, non lo sentivi mai. Parlava solo con me e Candela. Oppure con Vito Scala, che è stato 25 anni con lui. Rivolgeva la parola agli altri solo quando voleva di più la palla. Un grandissimo, il più grande. Ma se aveva voglia di scherzare era uno spettacolo, un battutista nato.

Ho visto il trailer della miniserie su di lui. Pietro Castellitto è bravissimo ma gli somiglia poco

Ehi, ci sono anch’io.

Chi interpreta il tuo ruolo?

Ma quale attore! Faccio io. Ho girato qualche scena proprio stamattina (ieri, ndr)

Antonio, a quante persone ti senti di dovere delle scuse, purtroppo ritardate?

A una marea. A Garrone, il grande Riccardo. A lui le ho anche fatte, però. A Don Fabio, il più grande gestore di uomini e di campioni che abbia mai conosciuto. A Tommasi: ogni due per tre dicevo a Damiano che era una pippa.

E lui?

Io uno scudetto l’ho vinto, tu sei arrivato solo secondo. Ragazzo perbenissimo. A Galliani anche. E a Rosella Sensi, discussi anche con lei, me ne sono pentito. Splendida famiglia, ho un grande ricordo di suo padre.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Grande Principe. Anche se alcuni ignoranti non hanno capito sei stato un grande capitano"

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Magara!!!!"

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Grande uomo, grande calciatore, spero veramente di conoscerlo un giorno per ringraziarlo. Grazie di tutto capitano 💛❤️"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Nostalgia assoluta per quello che ha fatto per la società, per la squadra ed anche, per me soprattutto, per noi tifosi, ci ha insegnato molto. Non..."

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Agostino DIBBBA il capitano di quando ero bambino..il primo capitano che ho visto allo stadio !!forse per questo ho un ricordo speciale!!!assurdo come..."
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa