Resta in contatto

Prima Squadra

Cristante: “Rigore su Mkhitaryan? Se c’è il var bisogna andare a vederlo”

Il centrocampista giallorosso ha commentato la sconfitta: “Siamo partiti male, non c’è niente da dire e non ci sono scuse”

Bryan Cristante ha parlato dopo la sconfitta per 2-1 della Roma contro il Milan. Di seguito le sue dichiarazioni.

Cristante a Sky Sport

Vuoi aggiungere qualcosa sull’episodio di Mkhitaryan?
Il nostro è calcio di rigore, penso si veda. C’è il Var, secondo me bisogna andare a vederlo come nel caso del rigore per il Milan.

Avete subito tanto l’aggressività del Milan, perché non siete stati organizzati?
Siamo partiti male, non c’è niente da dire e non ci sono scuse, dovevamo partire concentrati e cattivi subito. Basta.

Mi sembra che abbiate un centrocampo leggero…
Qualcosa sbagliamo contro le grandi, ma non tutte le partite sono uguali. Abbiamo fatto due brutte partite in passato con Atalanta e Lazio, oggi col Milan tranne i 20 minuti iniziali nel secondo tempo siamo riusciti a metterla bene. Abbiamo preso gol da soli nel secondo tempo, poi è difficile recuperare.

Cristante a Roma Tv

L’approccio forse non era quello che avevate pensato
Sì sicuramente non siamo entrati bene, tanti errori dietro e abbiamo preso il gol. Siamo riusciti a rimetterla in piedi nel secondo tempo, ma poi degli episodi ci hanno penalizzato. Abbiamo sbagliato noi sul secondo gol e poi è difficile recuperare queste partite.

Cosa vi ha detto Guida sugli episodi?
Niente, abbiamo provato a chiedere e le spiegazioni sono state davvero poche. Quello che ci ha dato più fastidio è stato l’atteggiamento. Se c’è il VAR bisogna usarlo.

In questo momento una sconfitta con una big pesa di più?
Non credo. E’ importante giocarsela una partita. Meglio perdere così che sbagliare la partita completamente e andare a casa magari con un 3-0. Oggi a parte i primi 25′ ce la siamo giocata

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra