Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, Pau Lopez ai saluti. Contatti per Musso dell’Udinese: la situazione

Il portiere spagnolo con molta probabilità lascerà la Roma a giugno. Tiago Pinto è a già al lavoro per strappare Musso all’Udinese

Alla Roma serve un portiere. Nonostante il recupero, Pau Lopez infatti non riesce a garantire sicurezza alla retroguardia di Fonseca, alternando ottime parate a momenti di vuoto totale. Ecco perché, con molta probabilità, lo spagnolo in estate saluterà la Roma, sempre se a Trigoria dovesse arrivare un’offerta ritenuta idonea. Tiago Pinto è già al lavoro per cercare il prossimo nome della porta giallorossa, e tra i candidati c’è sicuramente Musso dell’Udinese. I giallorossi già nell’estate scorsa avevano provato l’assalto, senza però riuscire nell’intento. Oggi, a quasi un anno di distanza, la situazione sembra essere favorevole: l’argentino sarebbe contento di approdare in un club come la Roma, ma attenzione alla concorrenza dell’Inter, che da tempo segue il ventiseienne per sostituire tra un paio d’anni Samir Handanovic.

La Roma resta comunque in pole proprio perché Musso sarebbe immediatamente titolare, in nerazzurro invece dovrebbe farsi una stagione da secondo aspettando l’addio dello sloveno. La Roma in caso di affondo dovrà trovare l’accordo con l’Udinese, da sempre bottega cara della Serie A. La prima richiesta per l’estremo difensore è di venticinque milioni di euro. Tanti, troppi per la Roma che sarebbe disposta a investire una decina di milioni più qualche contropartita tecnica. Lo riporta Il Corriere dello Sport. 

21 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

21 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa