Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Alan Patrick: “Sarà bello rivedere Fonseca. La Roma è una grande squadra”

“Siamo concentrati sul raggiungere i quarti di finale”

Alan Patrick, centrocampista dello Shakhtar Donetsk, ha parlato al sito ufficiale del club ucraino alla vigilia della gara di Europa League contro la Roma.

Cosa puoi dirci della Roma?

È una grande squadra, sappiamo che sono forti fisicamente. La Roma difende bene, non lascia molti spazi agli avversari. Abbiamo un piano per il match, dobbiamo fornire una buona prestazione a Roma.

Cosa cambierà rispetto ai match di campionato?

Sono scenari completamente diversi perché in campionato quasi tutte le squadre si difendono contro di noi. Il gioco sarà diverso contro la Roma, loro presseranno alti e avremo più spazi per il contropiede.

Quest’anno avete già incontrato l’Inter. Sono simili le due squadre?

Anche la Roma usa tre difensori. I giallorossi amano portare inserimenti in area, negli allenamenti ci siamo preparati per neutralizzare la loro forza.

Lo stile di Fonseca a Roma cambia da quello che aveva allo Shakhtar?

Ci sono alcuni cambiamenti tattci. Come detto, ora difende a tre, non accadeva allo Shakhtar. Alcuni principi di gioco però sono gli stessi, possiamo trarre vantaggio dal fatto che abbiamo lavorato con Fonseca. Sono sicuro che giocheremo bene.

Che effetto ti farà ritrovare Fonseca?

Sarà bello rivederlo, ma il match è importante per il prosieguo dell’Europa League. Siamo concentrati sul raggiungere i quarti di finale. Inoltre domani sarà solo il match d’andata, non dobbiamo dimenticarci del ritorno.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News