Resta in contatto

Roma in campo

Roma-Shakhtar Donetsk 3-0: (23′ Pellegrini, 73′ El Shaarawy, 77′ Mancini): tris giallorosso per ipotecare il passaggio del turno

All’Olimpico si gioca l’andata degli ottavi di finale di Europa League


Dopo il convincente doppio turno con il Braga, dove la Roma ha dominato e mai sofferto, ora il livello si alza e all’Olimpico arriva lo Shakhtar Donetsk di Castro. Un tuffo nel passato per Paulo Fonseca che sfiderà un altro tecnico portoghese, dopo Carvalhal. I giallorossi, che recuperano Dzeko e Ibanez, proveranno a far valere il fattore casa.

Le ultime dai campi

ROMA – Fonseca ritrova Dzeko e Ibanez, che partiranno dalla panchina. In porta ci sarà Pau Lopez, in difesa Mancini, Smalling e Kumbulla. In mediana agiranno Diawara e Villar, con Karsdorp e Spinazzola larghi. Sarà Mkhitaryan il terminale offensivo, con Pellegrini e Pedro in supporto all’armeno.

LA CONFERENZA STAMPA DI FONSECA / I CONVOCATI

SHAKHTAR DONETSK – Luis Castro deve fare a meno di Stepanenko ma schiera uno Shakhtar assolutamente titolare.
Tra i pali Trubin, difesa a quattro con Dodò, Vitao, Matviyenko e Ismaily. C’è Maycon in cabina di regia mentre, alle spalle dell’unica punta Junior Moraes, agiranno Tetè, Marlos, Alan Patrick e Taison.

LA CONFERENZA DI CASTRO / I CONVOCATI

Dove vederla

Roma-Shakhtar Donestsk sarà trasmessa alle 21:05 in diretta tv da Sky sui canali Sky Sport Arena (canale 204) e Sky Sport 253. Sul digitale terrestre la partita sarà visibile al canale Sky Sport 484. La sfida sarà visibile poi in chiaro TV8, oltre che in streaming su Sky Go e Now Tv.

I precedenti

Roma e Shakhtar Donetsk si sono trovate di fronte in numerose occasioni negli ultimi anni, dandosi battaglia tra Champions League ed Europa League.
Il primo incontro tra le due squadre risale ai gironi di Champions League 2006-2007: l’andata allo stadio Olimpico finì con un trionfo della Roma per 4-0 con i gol di Taddei, Totti, De Rossi e Pizarro; al ritorno in Ucraina il gol di Marica decise la vittoria dello Shakhtar Donetsk. Alla fine dei gironi, in quell’anno, i giallorossi si qualificarono agli ottavi di finale; mentre gli ucraini retrocedettero in Coppa Uefa.

Il fato mise per la seconda volta i capitolini contro i “minatori” agli ottavi di finale di Champions League nella stagione 2010-2011: allo Stadio Olimpico la Roma perse per 2-3 con i gol di Rat (ag, R), Jadson (S), Douglas Costa (S), Luiz Adriano (S) e Menez (R); al ritorno in Ucraina fu un vero e proprio disastro per i giallorossi che furono sconfitti con un rotondo 3-0 subendo la doppietta di Willian e gol di Eduardo, con rigore sbagliato da Borriello e Mexès espulso nel corso del primo tempo.

L’ultimo confronto sorride decisamente alla Lupa: nella magica Champions League 2017-2018, in cui la Roma sfiorò la finale, fu lo Shakhtar Donetsk l’avversario agli ottavi di finali. All’andata allo stadio Metalist di Kharkiv furono gli ucraini a vincere per 2-1 con i gol di Ferreyra (S), Under (R) e Fred (S) e nei minuti finali ci fu un salvataggio miracoloso di Bruno Peres sulla linea di porta con Alisson battuto a negare il terzo gol degli avversari; al ritorno in patria la Roma riesce a ribaltare il risultato e passare al turno successivo (dove incontrerà il Barcellona) grazie al gol di Edin Dzeko.

Arbitri

ARBITRO: Artur Dias
ASSISTENTI: Rui Tavares e Paulo Soares
QUARTO UOMO: Tiago Martins
VAR: Joao Pinheiro
AVAR: Luis Godinho

Le probabili formazioni

Marzo 11, 2021 Anteprima

Dettagli

DataOraLeague
Marzo 11, 202121:05Europa League

Risultati

Squadra1st Half2nd HalfGoalsEsito
Roma123Win
000Loss

Roma

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma in campo