Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Maneskin: sport e musica. Damiano: “Non sono paragonabile a Totti, mi sento più Villar”

I Maneskin, dopo il successo a Sanremo, raccontano le loro passioni al di fuori della musica. Derby nella band

Dopo la vittoria a Sanremo e la preparazione per l’Eurovision, i Maneskin raccontano le loro passioni al di fuori della musica.

Il frontman Damiano, come già noto, è grandissimo tifoso romanista, anche prima della loro esibizione sul palco dell’Ariston non ha potuto rinunciare a seguire la sua squadra del cuore che in quel momento stava giocando contro la Fiorentina. In un’intervista dichiara: “Io il Totti della musica? Magari! Non sono paragonabile a Francesco, amatissimo da tutta Roma. Oggi, se devo fare un nome tra i giocatori giallorossi, dico Gonzalo Villar perché ha l’età nostra, è un ragazzino che s’è fatto strada, non se l’aspettava, invece è titolare in Serie A a vent’anni. Sono queste le storie che mi entusiasmano“. Afferma, inoltre, che il calcio non è l’unico sport protagonista della sua vita, anche il basket ne fa parte. “Lo sport mi ha insegnato a rispettare le regole, a lavorare duro, a capire che se voglio raggiungere degli obiettivi devo fare dei sacrifici, niente cade dal cielo. Un atleta deve allenarsi e curare l’alimentazione se vuole raggiungere dei risultati, un medico deve studiare tanto per guarire le persone, un artista deve impegnarsi per coltivare la sua passione. Tutti guardano il traguardo, ma non il percorso, lo sport mi ha fatto capire l’importanza del processo”.

Se Damiano è un grande romanista, non possiamo dire lo stesso di Thomas: grande laziale. Sul loro rapporto racconta“Ci prendiamo in giro, ci insultiamo in amicizia, tanti sfottò”.

Ethan, il batterista, si differenzia dai due: ha giocato a tennis e praticato una scuola per attività circensi.

Victoria, la bassista, come si è potuto notare in un documentario ogni tanto si unisce al gruppo che gioca a calcio: “Ci siamo divertiti, da bambina mi piaceva molto il pallone, volevo fare la calciatrice, poi mi sono data ad altre passioni, allo skate e alla musica

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News