Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pedro litiga, per Dzeko un altro stop. Pellegrini: “C’è tanto da migliorare”

Altra serata nera per la Roma di Fonseca: si ferma Dzeko

Pellegrini sale ancora una volta sul banco degli imputati dopo la sconfitta rovinosa per 2-0 contro il Napoli che allontana i giallorossi dalla Champions. Essere diventato capitano della squadra lo investe di una responsabilità maggiore che comporta giudizi, a volte, eccessivamente severi. Non è il caso di ieri, perché la prestazione di Pellegrini non è stata soddisfacente, ma è stato l’unico ad essere propositivo in fase offensiva.

Ci ha provato, ma senza successo considerando anche che Fonseca gli ha cambiato ruolo, preferendogli Pedro sulla trequarti. Lo spagnolo ha deluso e al momento della sostituzione si è fermato a parlare in panchina con il vice di Fonseca chiedendo, per l’ennesima volta in stagione, le motivazioni della sostituzione con Carles Perez. L’intenzione del tecnico era di dare alla squadra un atteggiamento meno spregiudicato, ma il risultato è stato un match giocato in maniera passiva. Deluso l’allenatore e molto delusi i Friedkin, che non si aspettavano l’ennesima caduta della Roma.

“Questa partita è stata preparata come un’opportunità per dimostrare le nostre ambizioni. Vincerla non valeva solo tre punti, ma molto di più: valeva tre punti contro una squadra che si giocava la Champions” ha dichiarato Pellegrini. “Abbiamo preparato la partita non pressando alto, il Napoli è una squadra di qualità e ha avuto la possibilità di metterci in difficoltà”. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa