Resta in contatto

Rassegna Stampa

Spaesato e nervoso: Pedro molla la Roma

Altra opaca prestazione dello spagnolo

Servirebbe più personalità per cancellare la paura, quella sensazione fastidiosa che ti tarpa le ali quando stai per spiccare il volo. Nella testa dei dirigenti della Roma (vecchi e nuovi) e di Paulo Fonseca questa frase è risuonata non una, ma cento volte. Ecco perché in estate è stato preso lo svincolato Pedro Eliezer Rodriguez Lesema: l’uomo dei 25 titoli, il calciatore che segna sempre nelle finali, campionato del mondo, d’Europa, di tutto.

Il tecnico l’ha voluto con sé nella Capitale, convinto che un elemento della sua esperienza potesse aiutare i più giovani a compiere il definitivo salto di qualità. Ma la “rivoluzione pedrista” è durata appena due mesi. Ieri lo spagnolo ha giocato la quinta partita consecutiva da titolare. A Firenze, l’ultimo match cominciato dalla panchina, lo scorso 3 marzo, il 33enne si era lamentato con il tecnico per lo scarso impiego: nel tunnel del Franchi è andato in scena un colloquio serrato, ma durato almeno 10 minuti. Pedro non gradiva la parte dell’alternativa di lusso che l’allenatore gli stava cucendo addosso.

L’infortunio di Mkhitaryan gli ha spalancato le porte della titolarità, ma lui è rimasto quasi sempre all’uscio. Bloccato, quasi paralizzato. I numeri di ieri non rendono certamente merito a una carriera straordinaria: 8 possessi persi, zero copertura in fase difensiva (“No, non così alto!”, “Aiutaci di più!”, i richiami del tecnico), poca verve offensiva e persino uno sfogo con il secondo di Fonseca. Mentre il vice allenatore gli spiega cosa non era andato, Pedro è apparso nervoso e polemico.

Cosa è accaduto a Pedro? Esiste una sliding door nella sua avventura romanista: il cartellino rosso rimediato al 41′ di Roma-Sassuolo. Era il 6 dicembre e quel giorno arrivò la prima e unica espulsione della sua carriera. Poi ci sono stati due infortuni muscolari tra l’inizio di gennaio e l’inizio di febbraio e nessun acuto degno di nota. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa