Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mondiale, la Rai si prende tutto. Amazon (per il momento) resta ai box

Al momento i pacchetti sono tutti in mano della tv pubblica

Mezzo colpo di scena per l’assegnazione dei diritti multipiattaforma per tv, digitale e radio, del Mondiale 2022: la Rai si è presa tutte le partite, non solo le 28 delle «prime scelte» che saranno trasmesse sul primo canale. Niente Amazon, almeno per il momento. È possibile, però, che le voci su un possibile coinvolgimento del colosso dell’e-commerce, possano significare un probabile accordo per una cessione dei diritti in pay streaming delle altre 36 gare.

Al momento attuale, però, tutti i pacchetti sono nelle mani della tv pubblica. Soddisfatta la FIFA, che parla di «un processo di gara molto competitivo». «È un grande successo», dice il presidente della Rai, Marcello Foa. Soddisfazione anche da parte dei giornalisti dell’Usigrai: «I Mondiali tornano nella casa dello sport degli italiani».

Oltre alle trattative per la sublicenza, la Rai dovrà lavorare pure sul palinsesto. Il Mondiale in Qatar prevede quattro orari per lo svolgimento delle partite: 11, 13, 16 e 20 (ore italiane). Si giocherà dal 21 novembre al 18 dicembre. Proprio la disputa in autunno, periodo commercialmente molto favorevole per le tv, ha provocato un’offerta particolarmente importante: l’intera operazione sarebbe costata 160 milioni di euro. Si legge su “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa