Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma sparita dal Mondiale

I giallorossi presenti al Mondiale sono più che altro spettatori

Veder saltare Dybala nello spogliatoio insieme ai compagni dopo Argentina-Messico, ha almeno rincuorato dal punto di vista dell’umore. Paulo c’è. è presente, e non vede l’ora di farlo vedere anche in campo. Perché dipendesse da Scaloni, si profilano tempi magri per la Joya, declassato a mero vice di Messi nella Selecion.

E a dir la verità non solo per lui.  Il Mondiale in Qatar, almeno sinora, ha difatti rappresentato un flop per i 4 giallorossi presenti. Se Dybala è stato sorpassato nelle gerarchie da Fernandez, autore del 2-0 sabato, anche per Vina, Rui Patricio e Zalewski le cose non vanno meglio. Nicola è partito titolare nel primo match per essere poi sostituito all’intervallo e rimanere in panchina nel successo 2-0 della Polonia contro l’Arabia Saudita.

Sono 65 i convocati dalla Serie A per i Mondiali in Qatar, spedizione che coinvolge 17 dei 20 club del nostro torneo. La Juventus è la più rappresentata (11) davanti al Milan (7) e all’ Inter(6). Tuttavia oltre al numero dei presenti, è il minutaggio sin qui conseguito dai protagonisti che regala uno spaccato di quanto sta accadendo. I 4 giallorossi sinora hanno racimolato 56 minuti. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa