Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Blitz di papà Scamacca a Trigoria e mazzate sulle auto: panico in casa Roma

Incredibile quanto accaduto a Trigoria

Emiliano Scamacca, papà del calciatore Gianluca, è entrato a Trigoria con una mazza da baseball, imprecando contro tutti ed iniziando a distruggere le auto che gli capitavano a tiro. Il figlio, in forza al Genoa ma di proprietà del Sassuolo, è romano (del quartiere Fidene) e romanista ed ha militato nel settore giovanile della Roma fino al 2015. A metà pomeriggio l’uomo avrebbe cercato di entrare dal terzo cancello (quello delle giovanili) ma sarebbe stato accompagnato all’uscita dalla sicurezza, e quindi avrebbe atteso all’ingresso principale, entrando dopo le 19 aggirando la sbarra e urlando improperi e minacce ai presenti. La security avrebbe avvisato subito la polizia, mentre nel frattempo venivano messi in sicurezza negli spogliatoi i ragazzi del settore giovanile che si stavano allenando. Dentro Bruno Conti avrebbe provato a calmare Scamacca senior, essendo uno dei pochi a conoscerlo di persona, ma senza successo.

Intanto, in 10 minuti, la polizia arriva al centro sportivo con 4 volanti, una delle quali viene danneggiata dal papà del calciatore. A quel punto le forze dell’ordine sono intervenute con la forza, portando l’uomo al Sant’Eugenio (l’ospedale in zona Eur) per una visita medico-psicologica. Dopodichè, Emiliano Scamacca è stato denunciato per danni, ma niente arresto, perchè non ci sono state conseguenze fisiche per nessuno. Adesso dovrà effettuare ulteriori visite mediche specialistiche. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa