Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Diego Perotti: “Schick è sempre stato forte, si vedeva anche alla Roma”

Diego Perotti

L’ex giocatore di Genoa e Roma Diego Perotti, oggi in Turchia al Fenerbahçe, è stato intervistato da Sky Sport

L’argentino ex giallorosso ha parlato dei suoi tanti infortuni e delle tappe fondamentali della sua carriera. Ecco le sue dichiarazioni:

I tanti infortuni?
“Ho pensato di smettere. Quando hai un infortunio del genere, ti viene il dubbio e la voglia di andare a metterti su un lettino. Ho avuto a che fare con un infortunio molto grave, ma poi sono stato abbandonato a me stesso. L‘intervento e la riabilitazione sono stati a carico mio”.

L’esperienza al Genoa?
“Il primo anno a Genova è stato fantastico. Siamo arrivati quinti, abbiamo trovato la qualificazione in Europa League. Gasperini è stato l’allenatore più forte che ho avuto. Lui ha fatto uscire il meglio da me stesso. Arrivavo dall’Argentina, non stavo al meglio, ma a Genova c’era un clima diverso: gli allenamenti erano pazzeschi a livello fisico. Il calcio era molto diretto, non abbiamo mai fatto una partita a cercare il pareggio o andare indietro, noi cercavamo il gol“.

Il passaggio alla Roma, non prima di giocare un’ultima volta con il Genoa…
“Avevo avuto una riunione con il mister e io da professionista volevo giocare la partita. Mi avevano aperto le porte quando non stavo benissimo e sentivo che la mia carriera rischiava di andare giù. Volevo giocare fino alla fine perché portavo rispetto per il Genoa e per quello che hanno fatto per me”.

Schick?
“Quando eravamo alla Roma insieme, ma anche quando era alla Sampdoria, si vedeva che era forte. Purtroppo ha avuto sfortuna ma gli infortuni non li puoi controllare”.

Futuro?
“Mio figlio è nato a Genova. Quella città è parte della mia famiglia. Ho un contratto ancora di un anno con il Fenerbahçe, ma l’Italia rimane sempre nel mio cuore. Sappiamo come funziona il calcio, non ci sono le certezze. Ma da parte mia mi piacerebbe tornare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News