Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Bartoli: “Spinazzola è un guerriero”

Il capitano della Roma Femminile parla del laterale giallorosso

Elisa Bartoli, capitano della Roma Femminile, ha rilasciato un’intervista ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, toccando temi come i suoi idoli in ambito calcistico e l’infortunio di Leonardo Spinazzola. Ecco le dichiarazioni rilasciate dal difensore giallorosso:

Vacanze speciali, le sue, dopo il primo trofeo con la Roma. Un’emozione doppia, visto che è anche tifosa.
“È vero: è stato un sogno e queste per me sono state vacanze uniche. Prima di ripartire e provare a raggiungere qualche altro obiettivo l’anno prossimo me le sono godute appieno”.

È vero che non si ferma mai tra Roma, Nazionale e allenamenti in solitaria?
“Prima, d’estate, giocavo a Terracina a beach soccer. Ti allena, è faticoso, facevo con loro 4 allenamenti a settimana. Mi concedo al massimo 10 giorni di stop totali, non di più”.

I suoi idoli?
“Al maschile Cafu e Nesta, con preferenza per il Pendolino, lo amo da morire. Nel femminile dico Gioia Masia, l’ho conosciuta a 14 anni, mi ha fatto da mamma, ho seguito ogni giorno i suoi insegnamenti”.

In tema di terzini non possiamo non chiederle di Spinazzola.
“Leonardo è un guerriero. Gli faccio il mio in bocca al lupo, so quanto sia difficile lasciare il campo quando stai facendo qualcosa di grosso e lui stava facendo un grandissimo Europeo. Ma alla Roma lo aspettiamo tutti e gli faccio un in bocca al lupo enorme”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile