Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 11 luglio 1982: l’Italia è Campione del Mondo per la terza volta (VIDEO)

Grazie al 3-1 contro la Germania Ovest, gli Azzurri di Bearzot alzano al cielo la Coppa del Mondo per la terza volta nella storia dei Mondiali

L’11 luglio del 1982 la Nazionale Italiana diventava Campione del Mondo per la terza volta. Gli Azzurri, guidati dal CT Enzo Bearzot si scontrano contro i tedeschi della Germania Ovest, allo Stadio Santiago Benabeu di Madrid.

Dopo il passaggio della prima fase a gironi, non semplice per entrambe le formazioni, l’Italia iniziò a credere concretamente nella vittoria dopo il passaggio del “girone della morte”, che vedeva la sfida a tre contro Argentina (2-1 ) e Brasile (3-1). Forti della vittoria contro la Polonia in semifinale, l’Italia arrivò alla sfida finale con più energie dei tedeschi, che infatti poterono ben poco di fronte agli Azzurri.

Cabrini fallisce nel primo tempo un calcio di rigore, concesso per un fallo di Briegel su Bruno Conti. L’episodio viene cancellato nella ripresa: Paolo Rossi, Marco Tardelli e Spillo Altobelli affondano la Germania. Solo per l’onore la rete di Breitner. Siamo per la terza volta campioni del mondo. Oggi anche la Roma ha voluto celebrare la vittoria del Mondiale, visto che proprio quell’11 luglio Bruno Conti si laureò Campione del Mondo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord