Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Classe e invenzioni: la Roma è sempre ai piedi di Pellegrini

Si è rivisto in campo il capitano giallorosso

Nel bene o nel male l’impatto mediatico della Roma sarà cannibalizzato da una persona: José Mourinho. Ogni azione, gesto, parola dell’allenatore verrà vivisizionato in tutte le sfumature. E’ successo anche ieri nell’amichevole contro la Triestina quando dice “ahò” oppure “daje“. Ciò che conta sono davvero le indicazioni: la fascia di capitano è tornata sul braccio di Pellegrini. E’ ancora lui il leader della Roma che ha vinto 1-0 contro la Triestina. Il suo ritorno, dopo l’infortunio che l’ha tolto dall’Europeo, non è stato banale. Ha dimostrato di essere già pronto. Nei primi 45 minuti è stato l’unico ad impegnare il portiere avversario, illuminando a volte il gioco con assist e aperture.

Non si è tirato indietro nemmeno quando Zaniolo si è messo a battibeccare con Lopez dove aver subito fallo e pallonata. In quella occasione non è sfuggito in tv il disappunto di Mourinho per la reazione. L’impressione è che il portoghese non ami atteggiamenti sopra le righe. A fare la partita, comunque, è stata sempre la Roma che però ha trovato il gol soltanto nella ripresa con Zalewski. Buone sensazioni anche tra i più giovani perchè oltre al trequartista si sono messi in vetrina anche Bove e Ciervo. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa