Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 28 luglio 2018. Schick si racconta: “Sono tornato più cattivo, questa è la differenza”

L’attaccante ceco rilasciò un’intervista ai canali ufficiali della Roma in cui raccontava di aver superato molte difficoltà rispetto alla stagione precedente

Il 28 luglio del 2018 Patrik Schick mostrava la sua grinta e la sua determinazione per la stagione futura. L’attaccante ceco, intervistato da Roma TV, parlò apertamente del cambio di mentalità che aveva avuto nell’ultimo periodo, e della cattiveria ritrovata sul campo:

Sembra tutta un’altra storia, un anno dopo. Sembri un giocatore della Roma a tutti gli effetti.
“Hai ragione. Dopo un anno difficile penso che adesso sono tornato più cattivo, sto mentalmente bene, sono preparato. Questa è la differenza”.

Trasmetti di star bene, di divertirti.
“Sono contento di non aver fastidi, non mi fa male niente. Sto a posto, sono felice di poter giocare senza fastidi”.

In questi primi test hai segnato dei gol.
“Volevo segnare anche durante gli allenamenti, è importante segnare sempre, poi si vede anche in campo”.

Quanto hai capito di più quello che chiede il mister?
“Ho capito tutto, non ci sono problemi. Sappiamo tutti come vuole giocare il mister, non c’è problema”.

Che effetto ti fa vedere ragazzi così giovani?
“Non sono giovane come loro, ma sono due-tre anni di differenza. All’inizio non è facile, non sai la lingua, ma loro hanno tanta qualità. Tra poche settimane capiranno tutto e giocheranno bene”.

Meglio giocare con Strootman o Manolas in partitella?
“Oggi ho vinto con Strootman, quindi Strootman”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord