Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Maurizio Costanzo: “La Roma può fare molto bene creando il clima giusto tra tifosi, club e radio”

Maurizio Costanzo, responsabile per le strategie di comunicazione della Roma, è intervenuto ai microfoni di TeleRadioStereo

Maurizio Costanzo, nominato il 10 giugno 2021 responsabile per le strategie di comunicazione della Roma, è intervenuto ai microfoni di TeleRadioStereo.

La Roma può far bene in questa stagione?
Stiamo ricreando l’atmosfera giusta, curando i rapporti con la tifoseria, con le radio, faremo sicuramente lo stadio, ma dentro dovremmo metterci una bella squadra.

L’indiscrezione di oggi de Il Tempo parla del Gazometro è vera?
E’ un’ipotesi più che possibile, anche se difficile, ma se n’è parlato e se ne parlerà ancora, sarebbe al centro della città, è un’idea molto suggestiva.

La certezza che avete sulla costruzione dello stadio da dove deriva?
Dalla revoca della delibera, se non fosse arrivata quella, non avremmo avuto tutta questa sicurezza, ma abbiamo imboccato la strada giusta.

State parlando con tutti i candidati sindaco?
Si e no, non abbiamo parlato con tutti. Dal 20 riprenderemo i vari incontri, ma credo che alla fine il ballottaggio sarà tra la Raggi e Michetti, una lotta tra loro due.

Totti?
Si è creato bel rapporto tra lui e la società attuale, c’è assoluto rispetto.

Che impressione ha tratto dai Friedkin?
Assolutamente buona, sono persone molto serie.

Dove deve crescere ancora la comunicazione della e sulla Roma?
Nel rapporto con la tifoseria che con l’ultima gestione si era guastato e non poco, dobbiamo ricreare il feeling con la nostra gente, anche grazie all’ausilio delle radio. Ora però dobbiamo pensare al prossimo passo, ai risultati, alla prima di campionato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News