Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Shomurodov giallorosso

Colpo in attacco per la Roma

Tiago Pinto sta per consegnare a Mourinho un altro regalo. In attesa di sviluppi sul fronte Xhaka – è ancora in standby – il general manager ha chiuso la trattativa per Eldor Shomurodov. Il gigante uzbeko era stato individuato da Mourinho come l’uomo giusto per affiancare Dzeko e Borja Mayoral. Dopo giorni di trattative, la Roma ha trovato un accordo con il Genoa sulla base di circa 20 milioni (2.5 di prestito, 15 per il riscatto, 2.5 di bonus più un 15% sulla futura rivendita) per un prestito con obbligo di riscattoche scatterà in caso di raggiungimento di un certo numero di presenze o di qualificazione in Champions. La volontà di Pinto di chiudere velocemente l’operazione è stata determinante per arrivare alla fumata bianca e l’ufficialità è attesa a stretto giro.

La Roma aveva studiato anche un piano B nel caso in cui fossero sorte complicazioni (l’alternativa sarebbe stata Sorloth del Lipsia) ma l’accordo con il Grifone è stato trovato intorno alle 19 di ieri. Il ventiseienne sosterrà le visite mediche nei prossimi giorni, prima di raggiungere i suoi nuovi compagni in Portogallo. Si lavora ininterrottamente anche per chiudere il trasferimento Vina: il terzino si allena regolarmente a Trigoria ormai da lunedì ma, nonostante l’affare sia in fase di formalizzazione, per la chiusura bisognerà aspettare ancora. Chi invece non vestirà la maglia giallorossa è Kaio Jorge, vicino alla Juventus: nelle scorse settimane la Roma aveva sondato il terreno per il classe 2002 del Santos – proposto già un anno fa – ma le trattative con i bianconeri erano già in stato avanzato. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa