Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mou, subito sfida agli ex Gervinho e Peres?

Sorteggio ostico per i giallorossi di Mou

Poteva sicuramente andare meglio, ma se la Roma deve temere due squadre come Trabzonspor e Molde, allora significa che bisognerà rivedere anche molti dei discorsi e dei sogni fatti. L’esordio ufficiale dell’allenatore portoghese arriverà o sulle coste del Mar Nero o su quelle fredde del Mar di Norvegia, dipenderà tutto dall’esito del terzo turno preliminare di Conference League, che ufficializzerà il nome della prossima avversaria della Roma.

Il Trabzonspor, tra l’altro, può contare su due ex giallorossi, Gervinho e Bruno Peres, che sveleranno segreti più o meno reali ad Avci, il tecnico che nella scorsa stagione ha portato la squadra al quarto posto. Insieme ai due ex c’è anche una vecchia conoscenza della Serie A, Marek Hamsik, che ha scelto la Turchia dopo l’esperienza in Cina, oltre ai due nazionali turchi che hanno affrontato l’Italia all’Europeo, il portiere Cakir e il centrocampista offensivo Omur.
Diverso è invece il Molde, una squadra costituita quasi esclusivamente di norvegesi e che rappresenta una cittadina di circa trentamila persone. Sembrerebbe un ostacolo facile, ma la squadra allenata da Erling Moe è in testa al campionato norvegese dopo 14 giornate, è una squadra già rodata, che può essere un’insidia dal punto di vista del ritmo e della condizione fisica. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa