Resta in contatto

Rassegna Stampa

Dal triplete al triennale: il tempo di Mourinho per cambiare la Roma

Il mercato giallorosso divide i tifosi

La presunta amichevole contro il Betis ha già certificato una spaccatura tra la tifoseria giallorossa. Da un lato i “catastrofisti” e dall’altro i “tuttapostisti“. I primi vedono una società immobile, incapace di sfruttare le difficoltà che stanno avendo gli altri club. I secondi esultano ai cartellini rossi come se fossero gol. Di sicuro Mou è scontento perchè non è andato in porto l’acquisto di Xhaka. Però è anche vero che ha ottenuto Rui Patricio che per età è fuori dai parametri dei Friedkin. Al momento ha fatto più erroi che miracoli. La partenza di Dzeko, poi, non è stata ostacolata in alcun modo.

Si seguono giovani come Abraham o calciatori affermati com Azmoun. Belotti piace ma costa, Icardi potrebbe essere un’idea ma mai con quello stipendio. Il problema è che tutti associano il nome di Mourinho al triplete, mentre lui continua a ripetere di essere venuto a Roma per un piano triennale. Quanto alla cattiveria non è preoccupato. Sa che all’inizio gli studenti cercano di impressionare il professore e sta già lavorando per fare capire che un fallo duro è molto diverso da un’entrata plateale che costa un giallo o un rosso. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa