Resta in contatto

Rassegna Stampa

Selfie, cena, famiglia, lo zio italiano: dopo l’Olimpico, Abraham si prende anche Roma

I giallorossi stanno scoprendo il loro nuovo uomo gol, che intanto cerca casa e si gode la Capitale

Il nuovo gigante di Roma. Ma anche uno dei nuovi padroni delle aree di rigore del calcio italiano. Tammy Abraham si è presentato così, domenica sera, con un impatto sul calcio italiano che nessuno pensava potesse essere subito così devastante.

Ieri Tammy si è potuto finalmente godere un po’ Roma. Grazie al riposo concesso da Mourinho e grazie al fatto che era il suo primo giorno da uomo “libero”, con la fine della quarantena a cui si è dovuto sottoporre dopo esser tornato da Londra e che lo ha costretto per 5 giorni al tragitto casa-lavoro-casa. Così Abraham ha lasciato l’elegante albergo dove risiede nel cuore dei Parioli, in attesa di trovare la casa che più gli piace: gli sono state suggerite zone molto diverse come l’Aventino e Casal Palocco, nei prossimi giorni si orienterà a dovere. Intanto ieri ha iniziato a intuire anche quanto sia bella Roma, seppur sia in un momento in cui il suo splendore non è lo stesso di una volta. Abraham ha girato con la famiglia, cenando poi su un rooftop di quelli da cui si vedono molto bene i famosi tetti della Capitale.

Abraham da oggi potrà allenarsi liberamente con la squadra, senza dover più sottostare alla quarantena. Possibile, però, che possa fare ancora qualcosa a parte per quell’indurimento al flessore sinistro che lo ha costretto ad uscire con la Fiorentina. Se sarà tutto passato, Tammy sarà in gruppo, altrimenti farà palestra e fisioterapia. Probabile, infatti, che Mourinho giovedì lo possa lasciare inizialmente in panchina, anche per sfruttare la capacità di saper andare in profondità di Shomurodov, con il Trabzonspor che inevitabilmente dovrà scoprirsi per cercare di ribaltare il 2-1 subito all’andata. Domenica, poi, a Salerno l’inglese dovrebbe tornare al centro dell’attacco giallorosso. Per prendersi definitivamente la Roma. E confermarsi il gigante del futuro. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa