Resta in contatto

News

Giannini: “Con Mourinho è cambiata l’impronta caratteriale”

Mourinho

Le parole dell’ex capitano giallorosso sulla nuova squadra allenata dallo Special One

Giuseppe Giannini ha parlato a NSL Radio: “Con Mourinho è cambiata l’impronta caratteriale. Si è lavorato molto sotto il profilo psicologico e diversi calciatori hanno risposto alla grande. Si è agito anche sotto l’aspetto comportamentale e sulla partecipazione: nel senso che ora il gruppo è partecipe di un’idea, di un progetto, di una voglia di rilanciarsi. Si vede che Mourinho è un allenatore carismatico capace di entrare nella testa dei giocatori, si vede proprio questo tipo di impronta. Tutti uniti e tutti dalla stessa parte”.

Uno che è cambiato molto è Lorenzo Pellegrini: lo hai visto cresciuto, come calciatore e come capitano?
“Ha grandi qualità: è un giocatore importante per la Roma e per la Nazionale. E’ ancora presto per dare giudizi definitivi. Ho notato grande accortezza, grande concentrazione. In più stanno arrivando anche i risultati e questo aiuta a crescere”.

Quanto è difficile a Roma fare il capitano?
“Più che difficile: ti travolge, ti tiene ventiquattro ore appeso perché rappresenti la Capitale e una squadra importante, con giocatori importanti”.

Tammy Abraham…
“Lo vedo bene, giocatore di stazza ma di movimento. E’ un attaccante difficile da marcare. Ha anche confidenza con la porta. Speriamo sia fortunato. A volte serve…”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News