Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Smalling prova a uscire dal tunnel

Smalling

L’inglese prova il recupero per il Sassuolo

Da indispensabile a indisponibile. Com’è cambiata in fretta la vita romanista di Chris Smalling: un anno in prestito da assoluto protagonista, l’acquisto a titolo definitivo al termine di una trattativa infinita e festeggiato come un colpo di mercato, ma ad oggi quel giorno di festeggiamenti per il suo ritorno a Ciampino assomiglia tanto all’inizio della fine.

L’inglese ha vissuto una seconda stagione col posto fisso in infermeria: appena 13 le partite giocate da titolare in tutto l’intero campionato, 21 le presenze totali coppe comprese, Smalling è stato disponibile per meno della metà delle gare ufficiali dello scorso anno tra problemi al ginocchio, un’intossicazione alimentare, due lesioni muscolari e una soglia del dolore che non si è dimostrata altissima.

La terza annata è sembrata nascere sotto buoni auspici, con tutta la preparazione svolta in gruppo agli ordini di Mourinho, ritrovato a Trigoria dopo averlo avuto come allenatore a Manchester, ma proprio nell’ultima amichevole pre-season all’Olimpico col Raja Casablanca la sua fragilità muscolare è riemersa e un’altra lesione lo ha messo fuori per le prime quattro uscite dei giallorossi.

Il difensore si è preso tutto il tempo necessario per guarire da un infortunio giudicato dai medici “non grave” e da oggi, in teoria, dovrebbe gradualmente rientrare in gruppo alla ripresa degli allenamenti. Mourinho ha bisogno di lui, Mancini è bloccato da un’infiammazione al piede, Kumbulla rientrerà dagli impegni con l’Albania (ieri 90 minuti in campo contro l’Ungheria) e Ibañez non può reggere la difesa da solo.

A dire il vero, se Smalling avesse ricevuto un’offerta la Roma non avrebbe bloccato la sua partenza in estate. Non è un mistero che lo Special One avesse chiesto un centrale di piede mancino, ma di mercato si riparlerà solo da gennaio in poi. In attesa di conoscere le reali condizioni di Viña al suo ritorno dall’Uruguay, Mourinho fa gli scongiuri per tutti gli altri nazionali sparsi in giro per il mondo: ieri Shomurodov a segno con l’Uzbekistan.

Non ha infortuni ma altri problemi Diawara, bloccato con la nazionale in hotel in Guinea, dov’è scattato un tentativo di colpo di Stato: la gara di oggi col Marocco è rinviata. Nel frattempo Tiago Pinto attende notizie da Nzonzi, che sta trattando con l’Al Rayyan in Qatar: le porte del club sono spalancate per il suo addio. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa