Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou e il fattore campo

Mourinho

Centoquarantamila cuori per la Roma. Non basta di certo la sconfitta di Verona per spezzare l’entusiasmo riesploso con l’arrivo di Mourinho

Centoquarantamila cuori per la Roma. Non basta di certo la sconfitta di Verona per spezzare l’entusiasmo riesploso con l’arrivo di Mourinho e la partenza perfetta di stagione fino al passo falso del Bentegodianche domani sera l’Olimpico si riempirà – per quanto possibile in tempi di pandemia e nonostante il giorno feriale e l’orario notturno – per spingere i giallorossi contro l’Udinese: già venduti 26mila biglietti, si va verso i 30mila spettatori che sommati a quelli presenti nelle prime quattro partite ufficiali giocate in casa (Trabzonspor, Fiorentina, Sassuolo e Cska Sofia) porteranno a circa 140mila il numero dei biglietti venduti dal club giallorosso fin qui.

Complici le due gare europee già disputate all’Olimpico la Roma è la società italiana che finora ha staccato più tagliandi. Sono entrati finora 2 milioni e 400mila euro nei conti del club senza contare l’incasso di domani che farà superare quota 3 milioni. Ossigeno per i conti e una spinta fondamentale per la squadra, che giocherà le prossime tre partite di campionato all’Olimpico compreso il derby in “trasferta” di domenica: esauriti i 9mila biglietti di Curva e Distinti Sud messi a disposizione dei romanisti, che saranno tanti anche nelle due tribune.

L’unico viaggio da qui alla prossima sosta sarà in Ucraina per affrontare lo Zorya in Conference League il 30, mentre lo stadio di casa dovrà tornare un alleato contro Udinese, Lazio ed Empoli, la gara finale del ciclo programmata di domenica alle 18, orario favorevole per riempire di nuovo gli spalti. Mourinho vuole una reazione immediata dopo Verona, lunedì ha rivisto attentamente la gara al video col suo staff e ieri ha coinvolto i giocatori nell’analisi.

Domani si rivedrà una Roma simile negli uomini a quella del Bentegodi, con Mkhitaryan che dovrebbe riprendersi il posto a sinistra sulla trequarti, mentre Calafiori è pronto alla terza di fila di titolare: ieri allenamento personalizzato per Viña, si farà di tutto per recuperarlo altrimenti se ne riparlerà per il derby. Unica altra possibile novità Smalling al centro della difesa al posto di Ibañez. Mourinho ha scelto i suoi uomini. E a loro chiederà di rialzarsi dopo la prima sconfitta.

Si legge oggi su Il Tempo 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa