Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, questa difesa è un anello debole

Il reparto arretrato sta mostrando tutta la sua fragilità

Non puoi segnare due gol in trasferta e perdere o pareggiare, in certe situazioni devi solo vincere. Questo concetto è stato espresso da José Mourinho dopo la sconfitta di Verona, identica nel punteggio a quella del derby giocato per calendario fuori casa, e racconta la fragilità difensiva della Roma, ancora troppo inaffidabile per pensare di guardare la classifica con il naso all’insù. Del resto è stato sempre lui, Mourinho, a sottolineare la necessità di pazientare, di mantenere equilibrio, di non volare alto con la fantasia.

Al netto della questione arbitrale, che la Roma giudica dirimente nel risultato del derby, la squadra è sembrata spesso in affanno perché spaccata in due tronconi: i quattro attaccanti, un lusso forse contro la Lazio che se la spassa in contropiede, non coprivano quasi mai, lasciando gli altri sei giocatori di movimento in balia dei veloci palleggiatori laziali. La formazione è sembrava in effetti molto sbilanciata, in assenza dello squalificato Pellegrini che è più centrocampista di Mkhitaryan.

Da incubo è stata la partita di Gianluca Mancini, che non ha potuto festeggiare il derby da capitano: Milinkovic, Immobile, Pedro lo hanno mandato in tilt. Vina, recuperato all’ultimo secondo dopo appena un allenamento, ha offerto pochissimo alla fase offensiva ed è stato un fuscello contro Felipe Anderson. Del quartetto difensivo il migliore è stato Roger Ibanez, non solo per il gol, il primo in assoluto in Serie A. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa