Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Contratto e ritorno in Nazionale: la settimana perfetta di Lorenzo

Pellegrini

Il patto tra Lorenzo Pellegrini nasce questa estate, quello tra il numero 7 e Totti da molto tempo prima…

Il patto tra Lorenzo Pellegrini nasce questa estate, quello tra il numero 7 e Totti da molto prima: fin da quando l’ex capitano giallorosso era ancora dirigente aveva identificato nel classe ’96 la figura giusta per incarnare il ruolo del capitano, a cui concedere persino di poter indossare la maglia numero 10. A Pellegrini la 7 è sempre bastata, e adesso è arrivato anche il riconoscimento del ruolo da leader: con il nuovo contratto è stata anche eliminata la clausola rescissoria.

Arriva così l’accordo che lo legherà al club fino al 2026, quando Lorenzo avrà 30 anni. Il contratto più importante della sua carriera, e anche per questo alla firma oltre ai suoi agenti ha voluto accanto a sé il padre, il suo primo tifoso, la moglie Veronica e i figli Camilla e Thomas. “È impossibile spiegare questa emozione – le parole del giocatore dopo l’annuncio -, è quello che ho sempre voluto: era arrivato il momento di legarmi alla squadra della mia città. Non potrei provare un’emozione più grande di questa”.

Oggi c’è l’Empoli, poi Pellegrini volerà in Nazionale per rinforzare il gruppo che in estate ha vinto gli europei. Obiettivo: diventare protagonista anche in azzurro.

Si legge su Il Messaggero 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa