Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Femminile, Roma beffata dalla Juventus

Roma femminile

La Roma femminile di Alessandro Spugna incassa la prima sconfitta stagionale, ed è una debacle che fa male, al Tre Fontane

La Roma femminile incassa la prima sconfitta stagionale, ed è una debacle che fa male. Al Tre Fontane (con il pubblico sugli spalti dopo ben 584 giorni di assenza), le giallorosse perdono 2-1 contro le campionesse in carica della Juventus Women e lasciano il primo posto in classifica. Un risultato che ci potrebbe anche stare, vista la forza delle avversarie, ma che brucia per come è maturato. Sul campo, infatti, le ragazze di Alessandro Spugna dominano l’incontro per lunghi tratti, passando in vantaggio al 28’ della prima frazione di gioco con un tap-in di Di Guglielmo dopo il tiro di Greggi respinto da PeyraudMagnin.

Prima del riposo, la Roma potrebbe anche raddoppiare in due occasioni, la prima con Andressa e la seconda con Serturini. Nella ripresa le giallorosse continuano a macinare gioco e sembrano mantenere senza grossi problemi il pieno controllo del match. Ma al minuto 64’ la bianconera Rosucci disegna da 25 metri una parabola imprendibile sulla quale Ceasar non può intervenire. Il pareggio non spegne il fuoco romanista che solo quattro minuti più tardi sfiora il nuovo vantaggio con Swaby che a porta vuota non riesce a mettere dentro.

Si legge su Il Tempo

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa