Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mancini sfida Bonucci e Chiellini sognando il Qatar

La rabbia per il mancato Europeo diventa carica per strappare una convocazione al Mondiale

Li ha visti dalla tv, dominanti e decisivi, portarsi a casa un Europeo che avrebbe voluto fortemente giocare. Ora vuole conquistarsi un posto sul campo, perché il sogno del Mondiale in Qatar passa anche per serate come quelle dell’Allianz Stadium. Juventus–Roma non sarà solo Mourinho contro Allegri, Zaniolo contro Chiesa o (forse) Abraham contro Kean: il big match di domani sera vedrà in campo il presente e il futuro della difesa della Nazionale Italiana.

Da una parte il duo Chiellini–Bonucci, dall’altra Gianluca Mancini, che spinge sull’acceleratore giallorosso per tenere vivo il sogno azzurro. La possibilità, per la Roma, di uscire con 3 punti in tasca da Torino passa anche da una prestazione maiuscola della sua retroguardia: non potendo probabilmente contare sull’estro di Abraham (l’inglese punta ad essere convocato), Mancini dovrà dare il massimo per tenere lontano dalla porta di Rui Patricio i pericoli che arriveranno dagli uomini di Allegri.

La tradizione giallorossa nell’impianto torinese non è delle migliori: nei 10 precedenti la Roma ha subito 21 reti. Il ragazzo di Pontedera è pronto alla battaglia. Nelle ultime ore si è concesso una visita privata ai Musei Vaticani con la moglie Elisa. Le bellezze di Roma lo hanno rapito, è la città che ha dato i natali alla sua piccola Ginevra e i discorsi per il rinnovo viaggiano spediti, un legame che sarà messo presto nero su bianco, con direzione 2026. Ma prima c’è la Juve. E Mourinho punta forte su di lui, il sergente di ferro della sua difesa: non ha saltato nemmeno un minuto in campionato visto che lo Special One a lui rinuncia mai. La missione di Mancini è quella di convincere il suo omonimo ct a pensarla allo stesso modo. Perché il Mondiale vuole viverlo da protagonista in Qatar e non sul divano di casa. Lo scrive La Repubblica.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa