Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Gasp, Mou, Spalletti espulsi: non sanno perché

Mourinho Roma Napoli

Complicato il rapporto con gli arbitri in questa domenica di Serie A

Uno è rosso di rabbia, gli altri di certo non di vergogna perché né Mourinho né Spalletti pensano di aver detto nulla di offensivo all’arbitro Massa. E neppure Gasperini a Marinelli, a dirla tutta. A fine serata tocca la stessa sorte a Simone Inzaghi. Tutti e quattro vanno via dal campo espulsi e amareggiati, l’allenatore dell’Atalanta più degli altri.

Ed è il primo ad aprire al tema dell’incomunicabilità con gli arbitri. Gasperini è una furia: “Questi signori non ci mettono mai la faccia e la loro parola vale più di quella di chiunque altro. Inaccettabile essere buttati fuori da ragazzini a cui neanche si può controbattere. Basta difenderli, facciano anche loro i professionisti”.

I protagonisti in panchina della sfida tra Roma e Napoli provano a tenere toni più soft. La linea è comune: “Non abbiamo capito perché siamo stati buttati fuori”. Da tutti viene invocata la chiarezza, per andare oltre l’equivoco.

I vertici arbitrali si dicono d’accordo sulla necessità di una comunicazione trasparente e mostrano apertura a un confronto pubblico. Del resto, la strada percorsa dal nuovo presidente Trentalange è improntata al dibattito, purché – sottolineano i fischietti – esistano presupposti di serenità. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa