Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il nuovo El Shaarawy: l’uomo chiave della Roma, anche in panchina

El Shaarawy

Alla vigilia del suo ventinovesimo compleanno, il Faraone spera di essere ancora protagonista con i giallorossi

Ventinove anni domani e un posto da titolare come regalo: Stephan El Shaarawy, a Cagliari, se lo augura, anche se Mourinho ha avvisato che in Sardegna giocherà lo stesso undici partito contro il Napoli. A Bodo, dove ha iniziato da capitano, è rimasto coinvolto nel naufragio giallorosso, ma per Mou non ha fatto parte della lista degli “epurati”. Anzi, ne ha riconosciuto l’impegno e lo ha fatto giocare sempre, con 12 presenze in 12 partite per il dodicesimo uomo tra campionato e Conference League.

Se in passato Stephan quando non giocava con continuità spesso si intristiva, adesso ha cambiato radicalmente atteggiamento. Mourinho ne ha premiato il rendimento e l’atteggiamento. Gli manca ancora qualche gol (è a quota 3), ma non gli mancano la stima dell’allenatore e dei compagni, che lo considerano un punto di riferimento in campo e fuori.

La stima, poi, è anche quella della società, perché El Shaarawy, raggiunto negli ultimi giorni anche dal fratello procuratore, è sempre uno dei più disponibili per tutte le iniziative di marketing e beneficenza.

Lo scrive La Gazzetta dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa