Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, esci di casa

Roma

Giallorossi a caccia di punti in trasferta

Faceva caldo, la Roma segnava quattro gol, José Mourinho mangiava pizza e beveva Coca Cola sul treno di ritorno da Salerno. Proprio lì, la prima e ultima vittoria della Roma in campionato lontano dall’Olimpico, ormai sempre più fortino e punto di forza dei giallorossi (e si sa come Mourinho costruisca le sue fortune proprio tra le mura domestiche: 43 gare da imbattuto in serie A).

Ci sono due Roma, quella che fatica fuori casa (solo tre punti, quelli di Salerno) e quella che qui non stecca mai quando gioca nella Capitale (tredici punti, più di tutti, con i successi contro Fiorentina, Sassuolo, Udinese, Empoli e il pari con il Napoli).

Motivo? Forse, banalmente (ma fino a un certo punto), per la presenza massiccia di pubblico: sold out sempre o quasi, sarà così anche con il Milan, quando sono previsti altri 50 mila spettatori. A Cagliari, stasera, la Roma ci riprova dopo aver steccato a Verona, nel derby con la Lazio (da calendario, in trasferta) e contro la Juventus la scorsa settimana.

La squadra di Mourinho non prende punti in trasferta da quell’estivo 29 agosto, ormai due mesi fa: era la notte del primo gol di Abraham che, oggi per via del solito fastidio alla caviglia, è mezzo e mezzo, ma stringerà i denti (in alternativa, Shomurodov).

Era anche la notte della doppietta di Pellegrini e quella in cui Rui Patricio, lontano da casa, non ha preso reti, cosa che gli è sempre capitata nelle successive sfide fuori Roma. Da lì in poi, sette le reti incassate, mentre all’Olimpico solo due. Due facce della stessa medaglia, di una Roma che ora è quarta – e l’entusiasmo della gente, nonostante il tracollo di Bodo, non è scemato – ma, se vuole consolidare il quarto posto, deve tornare pure a fare punti esterni (se si sommano le partite fuori casa di Fonseca, nel 2021 sono 10 gli stop totali): un record negativo, peggio di così solo nel 1961, con 11 ko in trasferta. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Il tedesco che volava sotto la Curva Sud

Rudi Voeller

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa