Resta in contatto

Rassegna Stampa

L’arcobaleno di Pellegrini. Questa Roma è in ripresa

Pellegrini

La perla di Pellegrini regala tre punti importanti alla Roma di Mourinho

“A Cagliari ci sono più salite che discese”, dicono con la loro ironia un po’ pessimista i sardi. È la fotografia della partita della Roma, che per trovare l’uscita ha dovuto arrampicarsi come si fa tra le vie della città che salgono verso il Castello. Il miglior risultato ottenuto finora da José Mourinho non è (solo) il 4° posto che continua a difendere dalla pressione dell’Atalanta. Ma la definitiva maturazione di Lorenzo Pellegrini.

Come uno scultore, più che aggiungere sull’opera grezza del suo talento, José ha sottratto: la comfort zone del paterno Di Francesco e del rassicurante Fonseca, l’ombra ingombrante di Dzeko, estraendone un calciatore finalmente determinante. Chissà se tra una decina di anni ce ne ricorderemo come di un altro di quei centrocampisti che incontrando lo Special One hanno trovato la strada in cui consacrarsi a una dimensione superiore. Era successo a Lampard al Chelsea e a Sneijder all’Inter.

L’ultimo passo per provare a raggiungere il livello dei due campioni d’Europa, Lorenzo l’ha mosso a Cagliari. Se la Roma non ha rovinato a Cagliari l’immagine lucidata nei 90 minuti contro il Napoli è grazie a un gesto che Pellegrini sapeva di avere. Ma era l’unico a crederci. Da anni, a Roma, si sorrideva dei suoi tentativi su punizione. Troppo bassi, più spesso altissimi: l’unico gol da fermo finora era stato un regalo del terzo portiere dell’Ajax ad aprile. Fino a ieri. Quando invece ha preso il pallone nel momento più pesante della partita, spedendolo all’incrocio dei pali della porta di Cragno, quei risolini sono stati cerchiati da bocche tonde di stupore, 5° gol del suo campionato, 8° stagionale. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa