Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mourinho cerca i gol e prepara la rivoluzione

Mourinho Roma Milan

Serve una svolta in termini realizzativi

La Roma è una squadra incompleta. Mourinho è stato costretto a far giocare per quattro partire consecutive la stessa squadra. Gli stessi undici sono scesi in campo dal primo minuto contro Juventus, Napoli, Cagliari e Milan. I rinforzi arrivati in estate finora hanno inciso poco. Abraham e Shomurodov hanno messo a segno cinque gol in due.

L’attacco è in difficoltà, ma Mourinho non è intenzionato a cambiare. Viña ha alternato buone prestazioni ad altre negative, contro il Milan ha sofferto. Finora l’unico che si è salvato è stato Rui Patricio. A gennaio scorso era arrivato Reynolds, un altro flop. Un giovane che ha bisogno di fare esperienza e che nella sessione di mercato invernale potrebbe partire in prestito, prima di dare giudizi definitivi. Tiago Pinto a gennaio spera di poter migliorare la squadra. Gli investimenti saranno mirati, ma per far quadrare i conti ci deve essere anche qualche cessione. Mourinho si aspetta interventi importanti sul mercato, la Roma rischia di restare fuori dalla Champions anche l’anno prossimo. I Friedkin lo sanno e sono pronti a intervenire.

Ceballos, Zakaria, Pedersen e Nacho sono i principali obiettivi per rinforzare centrocampo e difesa. Tiago Pinto nei prossimi giorni potrebbe fare un blitz a Londra per una serie di incontri con emissari di mercato. Il direttore generale è al lavoro per migliorare la rosa. Piacciono anche Loftus–Cheek del Chelsea e Winks del Tottenham per il centrocampo. Mentre per la difesa è monitorata la situazione di Rudiger che a giugno si libera a parametro zero dal Chelsea e ha molte offerte. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa