Resta in contatto

News

Nela: “La Roma ha molto da lavorare. Ancora vari giocatori fuori condizione”

Mourinho

L’ex giallorosso: “I tifosi volevano la reazione. I fischi ci stanno”

Sebino Nela, ex difensore della Roma dal 1981 al 1992, intervistato da tuttomercatoweb.com ha parlato della squadra di Mourinho l’indomani del pareggio contro il Bodo/Glimt.

Mourinho continua a lamentarsi degli arbitraggi…
“Lo conosciamo ma non credo ci siano complotti. Sia in Italia che in Europa puoi trovare arbitri che non vedono dei rigori ma poi ti capiterà che te ne daranno magari alcuni discutibili. Se chiedi ai vari club una lista di torti, tutti te ne portano una di 5-6 gare”.

Liedholm, che morì esattamente quattordici anni fa, cosa direbbe oggi di questa Roma?
“non saprei ma so che con lui alla Roma siamo stati i primi a far possesso palla negli anni 80 e il suo era un modo di giocare diverso: tenevamo molto il pallone e eravamo una squadra, posso permettermi di dirlo, molto forte. Si sarà giocato anche un altro calcio ma Roma di quegli anni era davvero forte. Si è vinto poco alla fine, si poteva vincere di più”.

Tornando all’attualità, c’è da lavorare ancora molto sul gioco per la Roma?
“Sì, c’è da lavorare. Molti allenatori hanno inciso parecchio in questi mesi, ho visto buone cose da Tudor, Italiano, Dionisi, Andreazzoli. La Roma forse sul piano del gioco ora non entusiasma, ci sono giocatori non al top della condizione e per me si fa sentire l’assenza di Spinazzola, giocatore molto importante per la fase offensiva”.

Ieri sono arrivati anche i fischi..
“La gente si aspettava la rivincita dopo la batosta: ci stanno, i risultati sono quelli che sono, qualcuno non è al top come condizione, vedi Zaniolo, Mkhitaryan, Abraham. Si spera di rivederli in buona forma”.

Si aspettava di più da Abraham?
“L’impressione è che questo ragazzo sia stanco e abbia bisogno di tirare il fiato: ha qualità, ma deve stare sempre bene. Non si deve abbattere, deve lavorare per raggiungere la migliore condizione. Ora mi dà l’impressione di essere spento”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News